martedì 29 gennaio 2013

Paris Haute Couture

Un tripudio di trasparenze, tulle e ricami in un inno alla femminilità...
Creazioni teatrali, che rimandano al mondo dell'arte, sapori classici in una continua dialettica tra passato e presente, fatta di tessuti preziosi e veli fluttuanti.
L'allure decisamente romantica, una bellezza che vive nelle proporzioni dei modelli volti a sottolineare le silhouette.
É la moda nella sua massima espressione. Nulla é scontato, tutto é molto sofisticato, quasi surreale, contro ogni senso di ordinarietà.
Creazioni delicate, evanescenti, nate da un'ispirazione fiabesca: romantica, ma moderna, una vera e propria dichiarazione di intensità per classici senza tempo.
E' così che si è conclusa l'Alta Moda di Parigi, quella della primavera/estate 2013, esaltando l'incanto dell'eleganza e della sensualità!

A riot of sheer fabric, tulle and embroidery in an ode to femininity ... 
Theatrical creations, from the world of art, classic flavors in a continuous dialectic between past and present, made up of floating veils.
The decidedly romantic allure, a beauty that lives in the proportions of models to emphasize the silhouette.
It is fashion at its best, nothing is taken for granted, everything is very sophisticated, almost surreal, against all sense of ordinariness. 
Delicate and evanescent creations, born from fairy-tale inspiration: romantic, but modern, a true declaration of intensity for timeless classics. 
It 's so that ended the Haute Couture in Paris, the spring / summer 2013, highlighting the charm of elegance and sensuality!








source: Google immagini
Ed ecco, in chiusura, i dettagli più estremi delle "special guest" nel front row delle sfilate di Parigi, pronte a sfidare il gelo e la neve della capitale francese.
Ma, è risaputo, le vere fashionistas non temono intemperie...

In closing, the most extreme details of the "special guest" in the front row of fashion shows in Paris, ready to brave the cold and snow of the French capital. 
But, you know, the real fashionistas are not afraid of bad weather...



source: styleandfashion.blogosfere.it   and   stockholmstreetstyle.com



XO XO!



8 commenti:

  1. Il settore che non subisce arresto ne crisi, ma anzi é in continua crescita nel fashion system, é quello degli accessori. Tu sei stata una delle prime ad averlo capito, perché puntare sui dettagli significa creare uno stile personalizzato ed originale!
    Brava, complimenti per il blog, perché le cose fatte con passione riescono sempre e tu di passione per la moda ne hai vendere!
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero amo sempre personalizzare i miei outfits con un dettaglio particolare, gli accessori sono la strategia vincente!
      Grazie di tutto... stay tuned!
      Baci

      Elimina
  2. Credo che sia bello azzardare nella moda, poichè il troppo perfettino e serio a volte scoccia, stanca... colgo l'occasione x dare un idea anche ad altre ragazze come me in modo che possano trovare utile il mio commento. Purtroppo mi si è rotto il mio pantalone preferito sul ginocchio, ma invece di buttarlo ho pensato di tagliarlo, in maniera anche asimmetrica x dare un tocco personale e diverso dal solito... a volte capitano questi incidenti e spesso si buttano cose che magari potevano essere ancora sfruttate. Poichè il destroyed trend va di gran moda, invito a chi magari non ha idea di cosa fare con abiti ormai non usabili a potersi sbizzarrire con un look personale e vivo come questo...

    RispondiElimina
  3. Ben fatto, e grazie per l'assist... in un prox post parlerò del "destroyed trend"!
    Ciao, torna ancora!

    RispondiElimina
  4. ma non si può andare in giro vestiti così tutti i giorni. Io credo che queste persone siano così esagerate solo per farsi fotografare.
    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio... non esci cosi per andare a far la spesa al supermercato, ma per un occasione particolare perché non rendere piú glamour il tuo look?!?!?!!!!!
      Bisogna osare!
      Ciao

      Elimina
  5. Le décolleté Chanel con la perla sul tacco: strepitoseeeeeee!
    Mi piace il tuo blog. Manu

    RispondiElimina